BuonaVita

Gaia-Oasis Europa - Luogo per il Risveglio


Cosa offriamo - Meditazione

La parola meditazione significa considerare, contemplare, pensare in merito a qualcosa e riflettere. Noi notiamo che molte persone e molti sistemi di credo proclamano che meditare significa bloccare il pensiero. Ma forse c´è un´altra prospettiva in merito a questo: "rifletti te stesso". I nostri pensieri nascono costantemente, vengono dalle radici dei nostri profondi desideri, conflitti, reazioni mentali, ecc. Sicuramente è bene praticare tale disciplina e imparare a concentrare l´attenzione sul respiro, per esempio. Questo non è solo rinforzare la volontà, ma anche risulta chiaro, come se si avesse un bicchiere con acqua e terra mischiati e poi la terra si deposita sul fondo. Istantaneamente tu vedi molte cose nella tua vita molto più chiare e anche tu puoi sentire meglio cosa è importante per te e quali sono le tue priorità.

Comunque questo ancora non cambia le radici da dove i pensieri sorgono! Per cambiare le radici, il carattere, i nostri condizionamenti, le nostre abitudini malsane con le quali noi sabotiamo i nostri successi nella vita e la nostra felicità, noi abbiamo bisogno di riflettere noi stessi, conoscere noi stessi; poi abbiamo bisogno di usare il saggio discernimento e la saggia discriminazione in merito a cosa è bene per noi e cosa non è bene per noi. Una legge della consapevolezza è che il nostro carattere è composto dalle nostre proprie evoluzioni. Un´altra legge è la legge del seminare e raccogliere o del karma e karma phala: qualsiasi cosa viene fuori da noi ritornerà a noi, non viene persa, al contrario, ritorna alla sua sorgente.

Abbiamo notato che si diventa consci dell´attrito e dei cattivi sentimenti - per esempio la volontà di usare i gomiti contro altri, o delle cattive conseguenze nei dintorni di noi stessi e per gli altri e anche per il nostro sistema vegetativo - solo con la RIFLESSIONE (sicuramente questo può essere una auto riflessione e riflessione iniziata attraverso altri se noi siamo aperti ad ascoltare). Quando noi abbiamo notato che usando i nostri gomiti non è tale una grande attitudine in ordine al vivere una vita felice, noi inizieremo a cercare strade migliori, usare discernimento e qualche discriminazione. Forse finiamo per notare che è molto meglio per noi essere cooperativi, avere compassione e agire amorosamente. Forse noi notiamo che qualche persona realmente apprezza il nostro comportamento, forse qualche amicizia inizia a crescere. Questo era solo un esempio di meditazione in accordo con l´originale significato: "rifletti te stesso".

Dalla nostra esperienza possiamo dire che ci sono tre fasi di meditazione:
Prima Fase è riflettere se stesso includendo e usando il giusto discernimento. Questo cambia il nostro carattere, le radici dei nostri pensieri. Diventiamo trasparenti, più calmi e luminosi, la luce ci attraversa e ci sentiamo felici!
Seconda Fase è stare in contemplazione sulla compassione, comprensione o sulle nostre realizzazioni riguardo al nostro sviluppo, o in merito al piacere di dare o la benedizione di lasciare, ecc. Ci sono molti magnifici soggetti che ci fanno felici, chiari e liberi e supportano la nostra crescita quando noi la contempliamo. Questa seconda fase diventa facile se la radice del nostro carattere è pulita al massimo. La prima fase è sicuramente la precondizione. La seconda la porta al Samadhi (unità del cuore) quando la consapevolezza è focalizzata nella beatitudine e non c´è più il risveglio dei sensi.
Terza Fase è Samadhi, l´unità del cuore. La radice è ordinata, le reazioni dei pensieri non germogliano, non vi sono preoccupazioni, desideri, animosità e resistenze. Si, in questa fase i pensieri si fermano (!), comunque non dovuto al controllo, ma come un genuino risultato del gettare fuori le cause dei pensieri. Come potete immaginare, questo è una strada per viaggiare e non una cosa da fare attraverso un veloce pensiero o intuizione. Vi sono, ovviamente, anche altri tipi di meditazione proposte da mistici di ogni religione compresa quella cattolica, come Franz Jalics e Padre Lorenz.

Noi pratichiamo la meditazione una due volte al giorno a seconda del programma.